Luciano Lembo sito ufficiale

Il suo spettacolo è un contenitore di monologhi, gags, imitazioni, canzoni e tanto coinvolgimento col pubblico.

La Storia di Giada

(Questa è la storia de' na regazzetta che pagò caro er volé cresce in fretta) Semo cresciuti insieme io e Giada giocanno cor pallone pe' la strada. "Me riccomanno staje sempre dietro," dar terzo piano quer vocione der sor Pietro. A 13 anni pareva già 'na donna lei, regazzina senza più la mamma. Quer corpo je cresceva troppo in fretta, già i tacchi arti, io ancora in bicicletta. Se rigirava tutto er Prenestino ar fianco io sembravo er fratellino. Un giorno stavamo a chiacchierà sotto ar portone, a un certo punto arriva un macchinone... Giada sorride e corre ar finestrino, dentro, un signore, un mezzo malandrino. Li giorni appresso sempre macchine diverse, 'ndo stava Giada che sfidavo a fa le corse? 'ndo stava Giada de 'na vorta. Pensai la colpa era la madre ch'era morta. A noi ormai ce giudicava piccoletti abituata a cenà fori e ai regaletti, de chi je se comprava l'innocenza senza ritegno dentro quarche stanza. Quanti li strilli der sor Pietro ner palazzo, s'aggiunsero li schiaffi e lei cambiò indirizzo. Era l'anno che divenne maggiorenne, quella mattina me chiamò, "Lucia poi scenne?" coll'occhi lucidi me chiese quasi scusa io dissi "auguri" e commosso tornai a casa. Dieci anni so' passati da quer giorno ma quer ricordo m'è rimasto sempre intorno embé dopo dieci anni, ieri l'ho rivista... Sabato notte: ar "centro" co l'amici mia da poco uscivo da 'na birreria. Bella Roma de notte, è n'artra cosa, giri arigiri mai ce andresti a casa. "Regà" fa Claudio, "qua a via Veneto de notte ce so le mejo tra tutte le mignotte... Anvedi questa... a mora sei 'na fata!" E' qui che riconosco Giada. Oddio che botta ar core ner vedella pareva triste ma era tanto bella, co' lo sguardo di chi sta lì perché s'è persa, p'ave' sbajato ner cammino 'na traversa. Quant'è mancato l'amore de tu madre nun ce staresti adesso su ste strade. La fisso co' li stessi occhi de quanno la salutai sotto ar portone, quanta voja de gridaje: "A Già te ricordi li giochi cor pallone"!? Ma er core me s'era stretto in gola "A Cla' cammina nun lo vedi è tanto sola"... "Anvedi questo! Che te fa pena mo' sta mignottella?" "Sta' zitto a Cla', vorrei vede se fosse tu' sorella"!

To The Top