Luciano Lembo sito ufficiale

Il suo spettacolo è un contenitore di monologhi, gags, imitazioni, canzoni e tanto coinvolgimento col pubblico.

UN SOGNO

Stanotte ho fatto un sogno che nun se po' avverà ma è tanto bello stavo a parla cor core e cor cervello quest'urtimo diceva: "A sor padro' finché tu vivi e finché in te vivrò te darò er modo d'annà avanti co furbizia de sceje bene le donne, l'amicizia, d'esse potente, fa li sordi e fanne tanti... ce vo' er cervello pe' ste cose, no li santi!" Er core ancor più rosso poveretto voleva rintanasse drento ar petto; davanti a un cervello così orgojoso se fece piccolo, impaurito, vergognoso. Je dissi: "A core viè un po' qua, tu che prometti?" "Nun me da retta", m'arispose, "ce rimetti, so troppo ingenuo pe' compete cor cervello lui sì te po' promette questo e quello co mé vai a rischio perché do' me stesso oggi chi fa così se chiama fesso. Io però conosco le vie der sentimento, magari pio 'na strada poi me pento, ma nun cambio perché so pulito cor monno fora, nun ce scambio un dito. Che sia gioia oppure delusione io te prometto sempre n 'emozione... io so stato destinato a n'artra sorte... quella de vince er peso de la morte!"

To The Top